Prodotti a carrello
  •  
    Nessun prodotto presente nel carrello
     

ATM

ATM VodafoneATM la sigla di Asynchronous Transfer Mode. Si tratta di un protocollo di rete per la trasmissione digitale di diversi tipi di traffico (per esempio traffico voce e dati) attraverso una sola architettura di rete.

Lo standard ATM stato sviluppato a partire dai primi anni '90 per rispondere alle esigenze delle aziende di telecomunicazioni che puntavano ad avere una rete unica integrata per diversi servizi. Sino ad allora, infatti, si usavano reti differenti per la telefonia e per i dati. Da qui l'esigenza di avere una singola rete affidabile e ad altissima velocità.

L'obiettivo del sistema ATM era quello di dar vita a un'evoluzione delle reti ISDN a banda stretta con l'implementazione di una rete a banda larga B-ISDN (Broadband-ISDN) che si appoggiasse alla fibra ottica per la trasmissione dei dati all'utente finale.

Il protocollo ATM non ha raggiunto gli obiettivi auspicati di diffusione, soppiantato nel frattempo da infrastrutture come MPLS (Multiprotocol Label Switching), ma continua a essere utilizzato nella telefonia, sia nelle reti di accesso ADSL e UMTS che nelle reti di trasporto.


Classi di traffico ATM in base alla qualità del servizio

CBR
(Constant Bit Rate)
Velocità di trasmissione costante. Ideale per connessioni audio e video in real time (es. telefonia)
NRT-VBR
(Non-Rea-Time Variable Bit Rate)
Velocità di trasmissione variabile. Adatto per traffico che tollera variazioni di ritardo
RT-VBR
(Real Time Variable Bit Rate)
Velocità di trasmissione variabile. Adatta per traffico in tempo reale in cui non sono contemplate variazioni di ritardo, come per esempio le video conferenze
UBR
(Unspecified Bit Rate)
Non ci sono vincoli di traffico. Condivide la banda rimanente con ABR, caratteristica adatta al traffico Best Effort e a trasmissioni che non risentono di ritardi, anche elevati
ABR
(Available Bit Rate)
Prevede la definizione del traffico minimo e del traffico di picco. Per traffico Best Effort con controllo dei flussi

Gli obiettivi della realizzazione della B-ISDN trovano oggi realizzazione, almeno in parte, nel Next Generation Networking, ossia nelle reti che permettono di veicolare qualsiasi tipo di informazione e servizio attraverso pacchetti di dati.