Prodotti a carrello
  •  
    Nessun prodotto presente nel carrello
     

ARPANET

ARPANET VodafoneARPANET (Advanced Research Projects Agency NETwork) una rete di computer realizzata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DARPA) nel 1969.

ARPANET deve il suo nome ad ARPA, istituto di ricerca creato negli USA nel 1958 con l'obiettivo di sviluppare tecnologie innovative, tra le quali rientra il progetto di una rete di telecomunicazioni sicura. Nel corso degli anni '70, ARPANET rimane un progetto circoscritto agli ambiti accademici e governativi. Grazie all'avvento dello standard di trasmissione TCP/IP, dal 1974 ARPANET prende il nome di Internet. Nello stesso anno i nomi di dominio (DNS) sostituiscono le lunghe sequenze di numeri sino ad allora utilizzate.

Va fatta una distinzione fra Internet e World Wide Web. Il World Wide Web un servizio che opera attraverso Internet e che si afferma tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 a partire dai laboratori del CERN di Ginevra, su impulso di Tim Berners-Lee. Le pagine web sono spazi elettronici connessi a Internet in grado di ospitare testi, immagini, grafiche e file collegati fra loro tramite link. Il web concepito da Berners-Lee conta sul protocollo HTTP, sul linguaggio HTML, sul primo browser web e sui primi server e web server. Due anni dopo, nel 1993, il CERN decide di mettere il web a disposizione di tutti, affrancandolo definitivamente dalla mera diffusione in ambiente scientifico. L'espansione della platea si deve anche al rilascio del software per il browser Mosaic, che permette di visualizzare testi, immagini, barra degli indirizzi, pulsante di avanti e indietro e aggiornamento pagina.


Caratteristiche ARPANET e World Wide Web

ARPANETWorld Wide Web
Anno 1969 1991
Ente DARPA
(Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti)
CERN di Ginevra
Utilizzo Governativo/Militare Scientifico/Globale

Possiamo considerare ARPANET come l'antenato della rete Internet che tutt'oggi utilizziamo per navigare.
Oggi le persone con accesso a Internet sono pi di 4,5 miliardi, di cui 4,14 miliardi attive sui social network.