1. MOTIVO DI ASSISTENZA
2. DETTAGLI ASSISTENZA
3. ULTERIORI DETTAGLI
Non trovi la risposta che cerchi?
Torna su

 

Quale sarà la modalità di invio delle fatture che ad oggi inviamo ai clienti?

Non sono previste modifiche alle modalità di invio delle fatture che ad oggi inviamo ai clienti.

Il cliente è obbligato a fornirci le informazione per la fatturazione elettronica codice destinatario, indirizzo PEC o dichiarazione “minimi”?

Il cliente non è obbligato a comunicare i suoi dati, Vodafone infatti è in grado di emettere la fattura che pero’ verra’ depositata dall’agenzia delle entrate nel cassetto fiscale del cliente

Cosa significa che il cliente rientra nel regime dei “minimi”?

A livello normativo nel regime dei minimi rientra:
  • "regime di vantaggio" (di cui all'articolo 27, commi 1 e 2, del Dl 6 luglio 2011, n. 98) o
  • "regime forfettario" (di cui all'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23 dicembre 2014, n. 190) o
  • produttori agricolo (di cui all'art. 34, comma 6, del DPR 26 ottobre 1972, n. 633).
A fini delle fatturazione elettronica, l’unico differenza rispetto agli altri clienti è che il cliente con questi regimi riceverà la fattura nel suo cassetto fiscale e non ad un indirizzo PEC.
Ai fini della fatturazione non cambia nulla.
Non è richiesto che il cliente fornisca documentazione per certificare il suo regime, la dichiarazione del cliente è sufficiente.

Inserendo il flag su minimi, codice destinatario e pec devono essere compilati?

No, i campi sono alternativi. Il cliente dovrà fornire solo uno tra i campi indirizzo PEC, il codice destinatario o dichiarazione che rientra nei minimi.

Uno stesso SDI può essere usato su partite iva afferenti a diversi clienti?

Sì, ad esempio nel caso in cui più clienti comunichino il codice SDI di un intermediario o del proprio commercialista.

Se il cliente comunica / inserisce i dati errati, la fattura elettronica viene comunque emessa?

Si, la fattura viene emessa ma sarà depositata nel cassetto fiscale del cliente direttamente sul sito dell’agenzia delle entrate. A fronte della correzione su richiesta del cliente, le fatture successive saranno recapitate sul codice destinatario o indirizzo PEC comunicati. Non è previsto il reinvio delle fatture precedenti.

Un cliente associazione che non scarica l'iva poiche’Consumatore Finale deve ricevere la fatturazione elettronica o solo fattura non fiscale?

L’associazione è equiparata ad un cliente privato (con C.F.) e anche verso di lei sarà emessa la fattura elettronica che sarà scaricabile dall’area riservata del sito dell’agenzia.
Riceveranno inoltre la fattura non fiscale (quindi il conto telefonico) che sarà recapitato come oggi.

Cliente con sede fiscale all'estero deve avere la fatturazione elettronica

Per i clienti con sede fiscale all’estero, non si applica la fatturazione elettronica. I clienti quindi riceveranno le fatture come in passato.