(0)
Prodotti a carrello
  •  
    Nessun prodotto presente nel carrello
     

Casa OZ come contesto che accoglie e cura

ASSOCIAZIONE CASA OZ

CasaOz si costituisce nel 2005 a Torino per offrire un sostegno e una “casa” ai bambini malati, ospedalizzati e alle loro famiglie. Fondazione Vodafone nel 2010 ha deliberato un contributo di 100.000 euro per il completamento della struttura di Torino in Corso Moncalieri. L’attuale proposta progettuale si inserisce nel piano di sviluppo di CasaOz e prevede il potenziamento delle attività su Torino e l’apertura di una seconda CasaOz a Catania, su richiesta dell’Albero dei Desideri Onlus (LAD) di Catania, fondata nel 2010 da psicologi dell’unita’ Operativa di Ematologia e Oncologia Pediatrica del policlinico di Catania.

> www.casaoz.org
Il progetto:
Il progetto prevede 2 differenti interventi: uno a Torino e l’altro a Catania.  

Obiettivi e azioni principali - Torino:
1) Si prevede di potenziare le attività di accoglienza, assistenza e cura già avviate su Torino a favore di: bambini malati non allettati in ospedale, ma sottoposti a terapie; bambini malati in situazione di cronicità, o disabilità o affetti da disturbi comportamentali, relazionali, cognitivi; minori segnalati dai servizi territoriali e/o dai servizi degli ospedali come vittime di abuso o di maltrattamenti; familiari di bambini malati; figli di genitori malati. 2) Fra le ulteriori azioni previste con obiettivo di inclusione e percorsi di accompagnamento all’autonomia: accoglienza residenziale e sollievo per le famiglie (p.es. provenienti da altre località geografiche); periodi di residenzialità extra-familiare per adolescenti e giovani con disabilità a seguito di malattia; offrire un sostegno particolare alle famiglie con minori affetti da malattie rare o HIV; sostegno a singoli bambini e loro famiglie con situazioni di abuso e maltrattamento segnalati dai centri di diagnosi ed accoglienza sanitaria; attività ludico - educative - di socializzazione per favorire la relazione e il recupero dell’autostima.  

Obiettivi e azioni principali - Catania:
Il progetto parte dall’esperienza consolidata di CasaOz e si inserisce in un contesto favorevole di contatti e collaborazioni già avviate con le istituzioni pubbliche e sanitarie. L’obiettivo e’ replicare quanto realizzato a Torino con la costruzione di un centro di accoglienza Casa OZ su di un terreno messo a disposizione dal Comune di Catania. È già stato avviato il percorso di conoscenza e contatti istituzionali per la nuova sede di Catania con il Comune di Catania, la Provincia di Catania e l’Azienda Policlinico “Vittorio Emanuele”. Sono state avviate collaborazioni con la Fondazione per il Sud per la sostenibilità del progetto e con l’Associazione Libera che farà parte del gruppo di lavoro che seguirà e vigilerà sulla realizzazione della costruzione di CasaOz Catania. E’ prevista l’apertura di un bando di concorso rivolto a giovani architetti professionisti al fine di individuare un progetto innovativo, bio-sostenibile. La realizzazione si completerà nel marzo 2015.

Beneficiari finali:
  • Torino:
    Diretti: complessivi 2.750 (di cui 1.300 minori; 150 famiglie; 1.200 adulti; 250 operatori, volontari, affidatari, tirocinanti).
    Indiretti: 1.500 famiglie, popolazione del territorio circostante 15.000, popolazione ospedaliera 20.000, recettori delle iniziative di comunicazione.
  • Catania:
    Diretti: complessivi 130 (di cui 70 minori; 20 famiglie; 30 adulti; 30 operatori, volontari).
    Indiretti: 500 famiglie, popolazione del territorio circostante 5.000, popolazione ospedaliera 15.000.
Località: Torino e Catania

Partner:Comune di Torino, Comune di Catania, Provincia di Catania, l’Azienda Policlinico “Vittorio Emanuele”, Fondazione per il Sud, Associazione Libera, Associazione Albero dei Desideri Onlus.