(0)
Prodotti a carrello
  •  
    Nessun prodotto presente nel carrello
     

Obiettivi del bando

Fondazione Vodafone intende sostenere iniziative di consolidamento e/o sviluppo di attività a favore della comunità civile che vengano svolte nei seguenti ambiti:

A)    Sviluppo tecnologico delle ONP (digitalizzazione) quale possibilità di utilizzare le nuove tecnologie al servizio della società civile per migliorare la qualità dei servizi e promuovere l’evoluzione delle ONP.

FOCUS

Lo sviluppo della tecnologia e il relativo utilizzo ai fini di migliorare la qualità della vita delle persone e’ tra i principali obiettivi delle Istituzioni europee, nazionali e dei soggetti privati.

Le nuove tecnologie possono aprire nuove frontiere sia nelle modalità di gestione dei servizi, sia nella qualità dell’offerta, sia in termini di numero di soggetti beneficiari delle attività, fino ad arrivare ad essere veri e propri facilitatori di inclusione e coesione sociale.

In tal senso Vodafone con la sua Fondazione, interprete dei bisogni di chi vuole superare il digital divide, vogliono essere promotrici e sostenitrici di iniziative e progetti finalizzati all’inclusione e coesione sociale attraverso la tecnologia.

OBIETTIVO A:

-favorire l’implementazione di tecnologie nelle organizzazioni non profit al fine di rendere il servizio più efficiente ovvero di ampliare la platea dei destinatari;

-applicare le nuove tecnologie di comunicazione ai servizi alla persona;

-promuovere una migliore gestione delle organizzazioni mediante ottimizzazione delle risorse;

-favorire la diffusione della cultura digitale quale strumento di inclusione di soggetti svantaggiati.


B)    Sostegno all’occupazione nel Terzo Settore con particolare attenzione all’emancipazione e promozione delle donne e dei giovani nel mondo lavorativo.

FOCUS

In ambito lavorativo, con l’incremento della disoccupazione, crescono ulteriormente le difficoltà di inserimento per le donne e per le nuove generazioni. Le donne, che nella società moderna devono mediare tra famiglia e professione, hanno minori possibilità di accesso al mercato del lavoro, retribuzioni più basse, maggiori difficoltà nell’ottenimento di finanziamenti. I giovani si trovano ad affrontare una situazione dove l’offerta è sempre più scarsa, in mancanza di vere opportunità in una prospettiva di incertezza condizionata dalle poche tutele per l’avvenire.

In questo contesto le ONP possono giocare un ruolo attivo per la peculiarità dei servizi che offrono e per le caratteristiche proprie della loro produzione che va al di là dei beni materiali.

OBIETTIVO B1:

-promuovere lo sviluppo di organizzazioni e il consolidamento di attività rivolte all’inserimento lavorativo delle donne favorendo la conciliazione tra la vita familiare e l’ambito lavorativo;

-promuovere l’occupazione femminile quale possibilità di inclusione di soggetti in situazione di disagio;

-promuovere l’occupazione femminile quale possibilità di miglioramento della qualità dei servizi in ambito sociale.

OBIETTIVO B2:

-favorire l’inserimento lavorativo di giovani in cerca di prima occupazione;

-favorire lo sviluppo di attività che vedano i giovani protagonisti nell’ambito lavorativo sfruttando le attuali tecnologie informatiche e di comunicazione.


C)   
Sviluppo del Terzo Settore con particolare attenzione al Terzo settore del Sud Italia quale occasione di riduzione dei rischi di esclusione sociale e civile e la creazione di occupazione.

FOCUS

Il contributo che l’economia civile può dare al Sud Italia va inteso sia in termini di sviluppo di forme occupazionali e di riduzione della povertà, sia in termini di produzione di capitale sociale e di beni e valore relazionale. Il miglioramento delle condizioni di lavoro, l’emersione del lavoro irregolare, la lotta alla criminalità, il raggiungimento della soglia minima di sussistenza, deve andare di pari passo con lo sviluppo di valori di coesione sociale che puntino al coinvolgimento di tutte le componenti della comunità.


OBIETTIVO C:

-promuovere il consolidamento della società civile nel Sud Italia o lo sviluppo di attività nell’ambito sociale;

-favorire lo sviluppo di reti o l’apertura di nuovi rami delle organizzazioni non profit nel Meridione al fine di creare occasioni di lavoro e/o di migliorare la qualità della vita delle comunità locali;

- sfruttare beni sottratti ad attività illegali per la realizzazione di imprese sociali.


OBIETTIVO D:

Potenziamento dell’attività imprenditoriale per lo sport per promuovere iniziative aggregative o superare differenze sociali e etniche ovvero riqualificare e mettere a norma impianti destinati allo sport di partecipazione e favorire l'accesso allo sport di diversamente abili

FOCUS
“Lo sport, come la musica, è qualcosa di universale, qualcosa che è compreso in tutto il mondo, indipendentemente dalle differenze sociali, etniche o religiose. Non solo lo sport è universale, ma anche i suoi valori.” (Jacques Rogge – presidente CIO). Lo sport sviluppa le energie positive di ogni uomo e, oltre che alla salute e alla corretta crescita, può essere utile per aggregare, per allontanare i ragazzi dalla strada nelle periferie urbane, per superare le differenze e i contrasti che in una società multi etnica si possono creare. Con il bando si vogliono incentivare iniziative imprenditoriali che in ambito sportivo sviluppino centri di aggregazione positivi soprattutto nelle zone urbane maggiormente disagiate. E' inoltre necessario la realizzazione o l'adeguamento e messa a norma di strutture che possano essere aperte a tutti per la pratica degli sport di partecipazione. Le strutture dovrebbero essere rese accessibili e fruibili anche da chi ha delle menomazioni ovvero essere realizzate espressamente per persone diversamente abili.

OBIETTIVO D1:

Sviluppo di progetti per la realizzazione di scuole sportive, centri aggregativi e relative strutture.
Realizzazione di iniziative sportive manifestatamente volte a creare integrazione sociale ed etnica, fruibili anche e propriamente organizzate per avviare o formare allo sport in generale categorie con difficoltà diverse.
Acquisto di attrezzature necessarie al potenziamento di strutture esistenti o iniziative sportive già in essere nei due precedenti ambiti

OBIETTIVO D2:

realizzazione di interventi per migliorare l’accesso e l’utilizzo delle strutture sportive per persone con difficoltà motorie diverse.
realizzazione di impianti sportivi specificatamente realizzati e fruibili da diversamente abili
efficientamento energetico (ad es. illuminazione, isolamento, cogenerazione, fotovoltaico, opere di coibentazione) e/o messa a norma degli impianti e delle aree di servizio per farli tornare fruibili al pubblico
sviluppo di piattaforme o applicazioni digitali che consentano la conoscenza e la maggior fruizione delle attività sportive e/o il coinvolgimento degli sportivi, ovvero siano di supporto agli stessi.
Per tutte le richieste di finanziamento dovrà essere dimostrato anche come si intende poi provvedere al mantenimento in uso delle strutture e degli impianti.